FANDOM


Triforce in movement Stub

Questo articolo è un abbozzo. Aiuta Zeldapedia ad espanderlo!

Volvagia

Varubaja (detto anche Volvagia o Barba nelle versioni inglesi) è un boss presente nei giochi Ocarina of Time e The Adventure of Link . Appare simile ai dragoni della mitologia orientale, col corpo simile a un serpente ma dotato di piccole braccia, inoltre possiede una criniera composta da fiamme e due corna. Riesce a volare e sputare fuoco. Viene temuto dalla tribù dei Goron, i quali vengono tristemente divorati da esso. La sua casa è situata nel Monte Morte, dentro il Santuario del Fuoco. La sala in cui risiede è bloccata da un'enorme porta chiusa a chiave, come per tutti i boss del gioco. L'unica persona in grado di sconfiggere il temuto Volvagia fu Link, l'Eroe del Tempo. Volvagia passa tutto il tempo sommerso nella lava, in attesa di catturare qualche Goron per mangiarlo vivo. Estremamente resistente, per stordire questo dragone Link necessita dell'uso del Megaton Hammer, un potentissimo e leggendario martello appartenuto alla tribù dei Goron.

Nonostante venga ucciso da Link, Volvagia ricompare, secondo la linea del tempo ufficiale, in The Adventure of Link. Qui il dragone è stato resuscitato dal malvagio Ganon, ma anche questa volta verrà ucciso da Link.

CuriositàModifica

  • In Zelda II, Varubaja viene rinominato Barba solamente nell'edizione inglese.
  • Il Tema Musicale di Varubaja (corrispondente inoltre a quello del Re Dodongo) ha subito una rivisitazione in Twilight Princess, dove funge da Soundtrack per la seconda fase della battaglia con Stallord; questa scelta è stata presa probabilmente per la somiglianza fra i due nemici. C'è infatti chi pensa che il boss del Patibolo del Deserto sia lo scheletro del drago.

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.