FANDOM


I Kokiri sono una razza di folletti con fattezze di bambini, comparsi per la prima volta in Ocarina of Time. Hanno inoltre brevi apparizioni in The Wind Waker.

Aspetto fisico Modifica

I Kokiri indossano tuniche verdi (a volte anche un berretto) ed hanno le orecchie a punta, come la razza Hylia. Tuttavia non crescono e non invecchiano, restando per tutta la vita in corpi di bambini. I Kokiri sembrano essere immortali; oppure più semplicemente restano con fattezze di bambini fino alla morte. Non è dato sapere l'età media di un Kokiri. I capelli dei Kokiri possono essere verdi (come quelli di Saria), oppure biondi o castani, colori insomma che ricordano elementi di una foresta.

Le fate Modifica

I Kokiri trascorrono la loro esistenza nel loro villaggio, isolati dal mondo esterno, e protetti dall'Albero Deku, il guardiano della foresta. Di natura allegra e spensierata, vengono definiti come i figli della foresta stessa, probabilmente generati dallo stesso Deku. Ogni Kokiri possiede una fata personale che fa da guida, amica e guardiana, giocando un ruolo molto importante nella vita dei folletti. Si dice inoltre che solo i Kokiri riescano a trovare la strada nelle Lost Woods, con la guida della propria fata personale. Una persona comune senza una fatina riuscirebbe solamente a perdersi nei suoi meandri misteriosi. Se un Kokiri si perde dentro alle Lost Woods e non riesce ad uscirne, molto probabilmente diventerà uno Skull Kid, un folletto perduto nei meandri della foresta magica.

Link aveva come compagna di viaggio una fata di nome Navi, sebbene non fosse di sangue Kokiri. All'inizio del gioco Link ci viene presentato come un Kokiri senza fata personale, cosa inusuale per un folletto della foresta. Tuttavia Link non appartiene alla razza Kokiri, al contrario dell'amica Saria. Secondo la tradizione, un Kokiri non puo' lasciare la foresta: è convinzione comune che morirebbe. Questo è in disaccordo col finale del gioco, che mostra i Kokiri al Lon Lon Ranch, durante i festeggiamenti per la liberazione di Hyrule.

Nella storia della saga di Zelda è certo che almeno due Kokiri abbiano aiutato l'eroe Link. Saria, divenuta Saggio della Foresta, e Fado, in The Wind Waker, saggio del vento, morto per mano di Ganondorf. In Zelda: Wind Waker non esistono i Kokiri (tranne Fado). Piuttosto esistono i Korogu, che vivono con l'albero Deku sull'isola della foresta. Forse si tratta di un'evoluzione dei Kokiri, entrati in simbiosi così tanto con la natura da subirne una mutazione.

Kokiri importanti Modifica

Saria : personaggio molto importante, Saria è una Kokiri molto ammirata dai suoi simili, in particolar modo da Mido, che pare quasi avere una infatuazione nei confronti della ragazza. Di animo gentile e sensibile, Saria insegna la sua canzone a Link. In questo modo l'eroe è capace di parlare con lei ogni volta che la suona. Insieme alla canzone, Saria dona a Link anche un'Ocarina, come simbolo della loro profonda amicizia. Piu' avanti nella storia verrà risvegliata come saggio della foresta, donando il medaglione della foresta a Link.

Mido : Kokiri sbruffone ed invidioso della relazione tra Saria e Link, si atteggia a capo della comunità Kokiri.

Fado: anche se non appare in Ocarina of Time, Fado fa la sua apparizione come spirito deceduto in The Wind Waker. Fado era il saggio del vento, che con il suo violino omaggiava le divinità affinché la Spada suprema non perdesse il suo sacro potere. Abilissimo suonatore, faceva parte dell'orchestra condotta dal Re di Hyrule. In Ocarina of Time esiste un Kokiri di nome Fado, ma si tratta semplicemente di un omonimo.

Ogni nome Kokiri (tranne Saria, il cui nome appare anche come città in Adventure of Link) è una concatenazione di due note musicali: Mi e Do, Fa e Do, e via dicendo.

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale