FANDOM


Grande Santuario Antico
Fire Sanctuary.png
Gioco Skyward Sword
Collocazione Cima del Vulcano
Oggetto Guanti Mogma
Mini-Boss Lizalfos Malvagio
Magmano
Moldorm
Boss Ghiraim
Elemento(i) Fuoco

Il Grande Santuario Antico (o Santuario del Fuoco) è il sesto dungeon di Skyward Sword, dove risiede la Fiamma di Din. All'interno c'è molta lava e uno dei principali modi per attraversarla è usare nel modo giusto delle speciali piante spinose che contengono dell'acqua: infatti quando essa tocca il magma questo si solidifica formando piattaforme sicure. In alcune stanze Link troverà dei Mogma appesi ad una catena e li dovrà liberare. Uno di loro gli donerà i Guanti Mogma, un perfezionamento dei Talpoguanti che consentono anche di andare sottoterra. In questo modo si potranno raggiungere aree prima inaccessibili e attivare alcuni meccanismi sotterranei che spostano grate in superficie. Vi sono diversi nemici che potrebbero essere considerati Mini-Boss: Lizalfos Malvagi, Magmani e Moldorm (molti vengono combattuti qui per la prima volta). Verso la fine del labirinto ci si imbatterà in uno strano ponte creato per buttarsi nella lava sottostante: seguendo le indicazioni di Auro, il capo dei Mogma, bisogna orientare la caduta verso la bocca del "Drago Dormiente"; così facendo comparirà un pavimento lucente per permettere a Link di proseguire e di ottenere la Chiavenigma. Il boss è Ghiraim, con il quale bisogna scontrarsi una seconda volta dopo il suo lungo discorso. Dal primo scontro, Ghiraim ha mutato leggermente l'aspetto e usa due spade invece di una. Fatto ciò sarà possibile usare la Fiamma Sacra per trasformare la Spada della Dea nella Spada Suprema, anche se non ancora purificata dalla benedizione di Zelda.

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale